La conservazione dei beni culturali - Claudia Viggiani
27
post-template-default,single,single-post,postid-27,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,qode-title-hidden,qode_grid_1200,side_area_uncovered_from_content,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive
La conservazione dei beni culturali

La conservazione dei beni culturali

di Claudia Viggiani

Per la valorizzazione di un sito archeologico, di un monumento, di un luogo, di un paesaggio e quindi di un bene culturale, è innanzitutto necessaria la sua conservazione.
Questa deve essere al primo posto insieme alla promozione che va fatta attraverso idonee campagne pubblicitarie, opuscoli esplicativi, pannelli didattici e visite culturali.
I luoghi dell’arte sono infatti, troppo spesso, frequentati da un pubblico ignaro del loro valore più profondo e per questo abusati e violentati.
Per conservare un bene culturale, e poi valorizzarlo, è necessario divulgarne la storia, farne conoscere la vera identità senza promesse di pubblico divertimento o piacere.

Un bene culturale deve essere raccontato per quello che era e per quello che è.

Deve essere conosciuto per ciò che rappresenta e mostrato nelle sue vesti migliori.
Non servono spettacoli, ristoranti o messe in scena per farlo conoscere.
Basta renderlo accessibile al pubblico interessato e ai giovani che possono e devono crescere nella consapevolezza del patrimonio che erediteranno.
Non avranno la ricchezza di altri paesi del mondo ma avranno accesso alla bellezza, alla storia e coltiveranno l’amore per ciò che appartiene loro.

I giovani avranno così tutto quello che serve per investire nel benessere principale per un essere umano, la felicità.

© 2016, Claudia Viggiani. All rights reserved.

Precedente
Successivo